Untitled Document
Appartamenti KOVACIKA · via Ante Starcevica 44a · 23250 Pag · Croazia·

Contatto: tel. +385 996699512· mailto:info@apartments-kovacika.com              
 
Untitled Document

 

La Citta vecchia dista un chilometro dal centro della citta di Pag, e dagli anni 70 del 20° secolo e la sua parte integrante. Una volta era una citta fortificata, grande e ricca, dove si sfruttava il sale. Il porto della citta era Košljun, paese nell’ occidente dell’ isola. C’ era un altro porto per le imbarcazioni di media grandezza.
Nella citta vecchia esistono numerosi residui dei muri delle case, di sentieri e fortificazioni, me i piu conservati sono i residui del monastero francescano e della chiesa romanica di S. Maria, che per la prima volta si menziona nel 1192.
Nella citta vecchia sono trovati residui dei monumenti antichi e dei fondamenti megaliti che indicano la possibilita di esistenza di una citta gia nel tempo ellenico. La chiesa di S. Maria e costruita probabilmente sui fondamenti di vecchia basilica croata del 8° secolo.

A causa delle sue saline, Pag e spesso stato il bersaglio di attacchi. In questo territorio, dal 11° al 15° secolo, combattevano due forti centri ecclesiastici, economici e militari, Zara e Arbe (Rab). Inoltre, Pag lottava costantemente per la propria autonomia, percio nella Citta vecchia si sono svolte tante battaglie. La piu dannosa e accaduta il 30 marzo 1393. Pag e stato attaccato dai soldati di ventura, che lo hanno saccheggiato e incenerato.
Dopo il trasferimento della popolazione nel 1467, nel 1589 i Francescani costruirono il monastero vicino alla chiesa nella Citta vecchia.

La Citta vecchia e particolare per il pozzo del monastero e per la statua della Madonna della Citta vecchia. Il pozzo si trova nel centro del cortile del monastero. La legenda dice che, quando una grande siccita rappresentava il pericolo per l’ intera popolazione, i Paghesani pregavano la Madonna. Lei riempi il pozzo con acqua talmente che travasava sopra il bordo. I Paghesani diedero da bere al bestiame e fecero le riserve, e l’ acqua era ancora abbondante. Da allora, dice la legenda il pozzo non puo disseccare neanche nelle siccita piu dure.

Ogni anno il 15 agosto, i Paghesani in processione solenne portano la statua della Madonna dalla Citta vecchia alla chiesa dell’ Assunzione di Maria a Pag. La statua vi resta fino al 8 settembre, alla Nativita della S. Vergine quando di nuovo in processione solenne, la riportano nel suo santuario.

 

SVETI VID
(S. VITO)

S. Vito è la cima più alta nell’ isola di Pag (342 m). Si trova nella parte occidentale della città di Pag e offre una bellissima veduta d’ intero golfo di Pag. Alla cima è più facile arrivare partendo da Dubrava, dove c’ è l’ indicatore della strada per la cima. Si può partire da qualsiasi punto del monte, perché la salita non è faticosa.Vid (342 m. )

 

ŠIMUNI

Questa baia protetta dai venti sembra di abbracciare il mare. I suoi abitanti di solito si occupano di pesca, e quindi offrono una ricca scelta di cibi di pesce e delle altre specialita domestiche. Nell' immediata vicinanza del paese, in un bosco di pini, lungo la spiaggia, e situato un nuovo campeggio.

Il territorio di Caska e particolarmente interessante per gli amanti di archeologia, storia e fenomeni storici. Caska si trova nella parte occidentale del golfo di Pag, ed indica il territorio circondato da una parte dalla spiaggia Zrce, e dall’ altra dai paesi Zubovici, Kustici e Metajna, del nome comune Barbati. Nell’ insenatura di Caska oggi si trovano poche case, ma nel suo sottomare si trova una citta sommersa. Gli storici dicono che la citta e sommersa nel 4° secolo a causa di terremoto. Un’ altra presunzione e che la citta era abbandonata per ragioni sconosciute, e dopo, per secoli, la copriva gradualmente il mare.

Della grandezza di Caska esistono diverse opinioni. Secondo alcune presunzioni, la popolazione era cca 5000, mentre alcuni storici sostengono che ci abitavano cca 30000 persone. Esplorazioni archeologici fin ora non sono riuscite a chiarire il segreto di Caska. Pero, nel 1964, e scoperta l’ entrata nella rete di canalizzazione piu grande di quella della Roma antica. Questo indica che la citta era grande e importante. Che il significato di Caska era particolarmente grande testimonia anche il fatto che una ricca e famosa famiglia di un senatore romano, Calpurnia, vi aveva una villa lussuosa.
Pero, la cognizione reale non basta per determinare se Caska fosse una citta romana, o ancora piu antica. Caska e importante perché era probabilmente il primo abitato grande nell’ isola di Pag.

Di Caska ci racconta l’ unica leggenda dell’ isola sopravissuta in versione integrale grazie alla tradizione orale. La leggenda dice che Caska era una citta ricca, con abitanti bonari. Pero, come la loro ricchezza aumentava, la gente si allontanava dal Dio. Percio il Dio decise di punire Caska. Mando li un angelo che, travestito di un ospite casuale, doveva vedere se a Caska fosse un uomo giusto, da salvare dalla morte terribile che minacciava i suoi abitanti. Venuto a Caska, l’ angelo vide che gran peccato regolava la citta. Vi incontro due sorelle, Bona e Mala. Bona era l’ unica persona giusta, e l’ angelo la avverti, come Dio gli aveva ordinato, della cosa che si stava preparando. Il giorno della distruzione di Caska, l’ angelo porto Bona lontano dalla citta, al sud dell’ isola. Allora il Dio mando fuoco, uragano e terremoto a Caska. La citta, rovinata e ardente, fu sommersa nel fondo del mare, insieme all’ oro e gemme dei quali abbondava. Nella parte meridionale dell’ isola, Bona incontro un giovane pastore. Si sposarono e fondarono la nuova citta – Pag. Cosi ci racconta la leggenda di Caska, la citta sommersa nel mare e coperta con fango. Nuotando sott’ acqua si possono trovare i residui delle case, ma la maggioranza della citta e nascosta nel fango, sabbia e l’ erba marina.

LUN, Piccolo paese all'estremo nord-ovest dell'isola, circondato dalle chiome degli olivi secolari che sembrano di sorgere dalle pietre.

prevelati da www.otokpag.com)